×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 169
Condividi

Museo Archeologico Nazionale G.A. Sanna

Entrare nel Museo Sanna è come fare un tuffo nella storia, dal Paleolitico ai giorni nostri. Un viaggio attraverso reperti e oggetti antichi raccolti nel tempo da appassionati che pian piano nel tempo hanno creato un tesoro da offrire alla città e ai suoi visitatori.

Sassari, una città speciale

Sassari è una città bella e regale. È uno di quei luoghi che non ti aspetti, con mille straordinarie sorprese. Appena si inizia a passeggiare nel centro della città si scopre anche qui uno dei volti più belli della Sardegna. Ed è subito passione. Per la sua storia, per i sui monumenti, per i suoi spazi verdi, per la sua cultura, per la tradizione e per la sua cucina tipica che la rendono una meta unica.

Articoli correlati:

Sassari, una città speciale

  • Pubblicato in Video

Lo stagno di Platamona. Tra ginepri profumati e birdwatching

Un piccolo paradiso a pochi passi dalla spiaggia. Lo stagno di Platamona è una delle più importanti zone umide del nord Sardegna, immerso tra bellissimi alberi di ginepro, il cui profumo si sente intenso nell’aria fondendosi con quello degli alberi di pino. Sito di interesse comunitario riconosciuto è tappa da non perdere anche solo per godere di uno straordinario spettacolo della natura in pieno relax.

Articoli correlati:

Lo stagno di Platamona

  • Pubblicato in Video

Cavalcata Sarda. La festa della bellezza

I suoni, i colori, le musiche e le danze,  i gioielli, i costumi e i cavalli. La Cavalcata Sarda è una festa dove ogni anno si incontrano  oltre tremila costumi in rappresentanza dei comuni di tutta l’isola che offrono uno spettacolo indimenticabile, dando vita al più grande evento laico della Sardegna che si svolge la penultima domenica di maggio. Una grande festa di primavera che si è meritata nell’ultimo secolo il titolo di “festa della bellezza”, proprio per la ricchezza e la maestosità che la caratterizzano.

L'Argentiera. Sassari insolita tra mare e miniere

Un villaggio minerario abbandonato e una cala dal mare con i riflessi d’argento. L’Argentiera è uno dei luoghi più avventurosi e ricchi di fascino che offre il territorio di Sassari. Qui un tempo si estraeva piombo argentifero e zinco. Era fine Ottocento quando il villaggio ha iniziato la sua attività, chiusa nel 1962, ma ancora oggi, per gli appassionati dell’archeologia industriale, è possibile ammirare un luogo unico al mondo che fa parte del Parco Geominerario, Storico e Ambientale della Sardegna, riconosciuto dall'UNESCO.

La Miniera dell'Argentiera è aperta dal lunedì al sabato dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 17 (domenica apertura su appuntamento - telefono 340 1400626). Per maggiori informazioni visitate il sito LandWorks

Articoli correlati:

L'Argentiera

  • Pubblicato in Video

Sassari. Tra le prime dieci città al mondo per il meteo ideale

 

Un quarto posto nella lista pubblicata sulla rivista Weatherwise, fondata da David M. Ludlum, grande appassionato di meteo. Uno dei luoghi più felici perché in questa città della Sardena si “sperimentano alcune delle previsioni più comode e favorevoli del pianeta”, solo dopo Vina del Mar (Cile), Las Palmas (Gran Canaria) e Nordovest del Marocco, ma prima di Barcellona, Lisbona, San Diego, Adelaide, Città del Capo e l’estremo Sud dell’Australia.

Lo stagno di Platamona. Tra ginepri profumati e birdwatching

Un piccolo paradiso a pochi passi dalla spiaggia. Lo stagno di Platamona è una delle più importanti zone umide del nord Sardegna, immerso tra bellissimi alberi di ginepro, il cui profumo si sente intenso nell’aria fondendosi con quello degli alberi di pino. Sito di interesse comunitario riconosciuto, è lungo circa tre chilometri, ha una larghezza massima di 250 metri ed una superficie di 95 ettari, ma non ha alcun contatto con il mare. Le acque che lo alimentano vengono filtrate dalle dune e rese particolarmente dolci. E sono proprio le dune di sabbia, ricoperte di vegetazione tipica degli stagni, che creano una cornice perfetta dove uccelli e anfibi hanno trovato il loro habitat naturale e offrono  uno straordinario spettacolo per gli appassionati di fotografia naturalistica e birdwatching. Una tappa da non perdere anche solo per godere di uno straordinario spettacolo della natura in pieno relax.

Come arrivare
E’ situato tra Marina di Sorso e Porto Torres, alle spalle dell’omonima spiaggia di Platamona. Vi si arriva da Sassari in circa venti minuti percorrendo la Strada Provinciale 40. Per chi arriva invece da Porto Torres dovrà percorrere la Strada Provinciale 81.

Attività
Lo stagno e il Ginepreto  sono gestiti consorzio di Cooperative sociali “Andalas de Amistade” (Cooperativa Sociale Aurora, Porta Aperta e Petralana). Dal Centro di Educazione Ambientale si irradiano una serie di sentieri semplici da percorrere e attrezzati anche per i disabili con piani in legno e staccionate con corrimano che permettono di raggiungere il capanno per l’osservazione degli uccelli. Le guide del consorzio sono a disposizione per l’attività di birdwatching e corsi specializzati.

È possibile noleggiare in loco un kit composto da binocolo+guida.

Contatti
Andalas de Amistade, consorzio sociale.
Amministrazione – Valledoria:Tel 079/583032 - Fax 079/583303.
Stagno Ginepreto di Platamona: Tel e Fax 079/311353

ozio_gallery_jgallery
Ozio Gallery made with ❤ by turismo.eu/fuerteventura

L'università più antica della Sardegna per i giovani di tutto il mondo

Sassari è la città dei giovani, ma soprattutto per tutti quelli che vogliono studiare nella culla della cultura dell’università sarda, tanto che tanti studenti stranieri scelgono questa città per gli scambi studio offerti con l’Erasmus. L'Università degli Studi di Sassari istituita tra il 1562 e il 1627 è la più antica della Sardegna ed è vocata per tradizione allo studio del diritto, dell'agraria e della veterinaria.  

Sottoscrivi questo feed RSS

Service

Il sito utilizza cookie tecnici propri e cookie di terze parti: accedendo a qualunque elemento/area del sito al di fuori di questo banner acconsentite a ricevere i cookie.
Per maggiori informazioni o per negare il consenso ai cookie cliccate qui.